Norma

Situata a 410 m., su di uno sperone di roccia a strapiombo (la Rave), domina la sottostante Pianura Pontina. Le origini dell’attuale paese risalgono al Medio Evo, mentre il suo nome deriva dall’antica Norba che, distrutta nell’82 a.C. e mai più ricostruita, sorgeva in località Civita, a circa un chilometro dal centro. Della cosiddetta “città di pietra”, sono ancora oggi visibili i resti delle imponenti mura poligonali lunghe circa 2.300 m., interrotte da porte e dal bastione della Loggia ma tutta l’area era ricca di edifici pubblici e privati, luoghi di culto e centri amministrativi. La città medievale fu feudo dei Caetani e passò ai Borghese nel XVII sec. Tra le principali emergenze, oltre alle porte, sono da ricordare il Palazzo Baronale, la Collegiata della SS.ma Annunziata, il Santuario della Madonna del Rifugio e, sulla costa sud-occidentale della collina, il Santuario di S.Michele Arcangelo detto anche di S.Angelo in Monte Mirteto. Da visitare, oltre alla citata area archeologica di Norba, il Museo archeologico e virtuale ed il Museo del cioccolato. Grazie alla sua particolare posizione, Norma è meta prescelta degli amanti del parapendio. Grande e di buona qualità la produzione di ricotta, olio e castagne, che vengono “festeggiate” con la sagra che si tiene a fine ottobre.

www.comunedinorma.it